News‎ > ‎

Relitto Evdokia

pubblicato 8 ago 2010, 23:18 da Scuola dello Sport Sassari
8.8.2010 - Secondo corso OWD di mare e dintorni, seconda uscita in acque libere! 
Che spettacolo il relitto dell'Evdokia, la visibilità era ottima (8-10m) a parte un po di mucillagine alla profondità di 10m. Sul relitto, ormai colonizzato da molte specie, nuotavano branchi di pesciolini sopra spugne di un colore arancione intenso e un grongo curioso ci osservava da un tubo affiorante sulla struttura superiore di poppa.
 
Il racconto di Angela
 

Domenica 8 agosto 2010, bella giornata di sole. Alle 12 in punto partiamo, io e mio papà, per una immersione in mare, seconda uscita in acque libere del nostro corso OWD, ci aspetta Claudio il nostro istruttore, ad Albarella.

Arriviamo in orario all’appuntamento, sono già tutti lì, il gommone è già in acqua e stanno caricando l’attrezzatura… sono un pochino agitata, è la prima volta che salgo in gommone e vado in mare. Dopo il primo briefing finalmente partiamo, sono quasi le 15, andremo a vedere un relitto sommerso, l’Evdokia.

Il trasferimento fino al punto di immersione è più duro di quanto immaginassi, devo rimanere aggrappata con forza per restare seduta, andiamo veloci. Dopo circa mezzora arriviamo al punto di immersione, l’acqua è un po’ mossa e c’è corrente e sia io che papi soffriamo un po’ di mal di mare… indossiamo in fretta le mute e ci prepariamo per scendere. Claudio ci spiega le ultime cose prima di tuffarci in acqua, faccio coppia con papà, mentre Lino fa coppia con Mirko, sub già brevettato. Maria, Adriano e Giulietta ci aspettano in gommone.

Indossiamo l’attrezzatura, ultimi controlli al compagno e poi splash, di schiena in acqua, e più facile di quanto potessi immaginare… il mal di mare è passato.

Dobbiamo raggiungere la boa, controcorrente, seguiamo Claudio, mi aggrappo alla cima, mi scivola dalle mani, mi trascino di schiena, respiro con lo snorkel per risparmiare l’aria ma bevo un po’ d’acqua perché c’è un po’ d’onda… ho un po’ di paura, ma finalmente arrivo alla boa, qui mi posso riposare, aspetto gli altri.

Quando siamo tutti, cominciamo l’immersione, sgonfio il GAV e comincio a scendere lungo la corda, papi mi segue.

Scendiamo piano piano, ci scambiamo qualche OK, controllo gli strumenti, aria e profondità, siamo a 10 metri, la mucillagine rende l’atmosfera surreale, sembra di fluttuare nello spazio.

La visibilità è buona, comincio a vedere qualcosa sotto di me, una sagoma grande, piena di pesci che ci nuotano sopra, è il relitto.

Arriviamo a 18 metri, non ho avuto problemi per compensare, sono tranquilla, guardo papi, ok ok.

Claudio ci fa segno di lasciare la corda e di avvicinarci al relitto, cerco l’assetto, sono negativa, gonfio un po’ il gav. Vado verso il relitto, dopo papi mi segue. È stupendo, ci sono un sacco di pesciolini che nuotano in mezzo a tantissime piccole piante, il relitto ne è pieno, sono arancio, rosse e lilla… è bellissimo!

Facciamo tutti insieme un giro intorno, guardando il relitto sotto di noi, sono stupita. Claudio ci fa segno di raggrupparci, controlliamo gli strumenti, io ho ancora 130 bar nella bombola, alcuni di noi solo 90, è ora di risalire, Claudio ci indica la strada.

Raggiungo la corda della boa, vedo qualcosa li vicino che si muove, una testa che esce da un tubo con due occhi spalancati, mi guarda, è di colore grigio-lilla (ho saputo dopo che era un grongo, mi poteva mordere), lo indico al mio compagno con il dito e mi avvicino, papi mi fa segno di non avvicinarmi troppo, aspettiamo gli altri e ci prepariamo per la risalita.

Siamo tutti sulla corda, si ritorna su. A metà strada ritroviamo la mucillagine, è una strana sensazione, continuiamo fino a 5 metri, poi sostiamo tutti insieme, per sicurezza.

Siamo ormai in superficie, è stato bellissimo, ci sono riuscita, ci siamo riusciti tutti, ora è più facile ritornare sul gommone, la corrente è a favore….. è stato bellissimo, sgancio i pesi, li passo ai compagni in barca, sgancio il gav, lo issano a bordo, risalgo anch’io…. È stata una esperienza indimenticabile, senza descrivere il ritorno e la festa al rientro, altrettanto memorabile… grazie Claudio.

             Angela

 
ą
Scuola dello Sport Sassari,
15 apr 2013, 00:11
ą
Scuola dello Sport Sassari,
15 apr 2013, 00:11
Comments